+38 (068) 670 09-60

  • Українська
  • English
  • Deutsch
  • Italiano

Organizzazione sociale
"Comitato Anticorruzione Centrale"

“Al piano superiore hanno appena chiesto soldi.” Cosa c’è dietro le ricerche generali di affari che vanno in tutta l’Ucraina

In Ucraina, ha aperto una nuova stagione di caccia per gli affari. Alla vigilia del Giorno dell’Indipendenza, l’SBU è apparso con le ricerche all’ufficio di Lviv della compagnia “Galneftegaz”, che possiede una grande rete di stazioni di rifornimento OKKO.

Il motivo ufficiale è l’indagine preliminare nell’ambito del procedimento penale ai sensi dell’articolo 3 dell’articolo 110-2 del codice penale, in termini semplici, accuse di finanziamento del terrorismo.

“Le ricerche durarono 21 ore e in realtà paralizzarono il lavoro dell’azienda. L’essenza delle accuse della SBU è che continuiamo a condurre affari nel territorio temporaneamente occupato della regione di Donetsk (incluso il cosiddetto DnP) e in Crimea ., dal 2014, la nostra azienda non lavora nei territori temporaneamente occupati “, afferma la spiegazione ufficiale dell’azienda.

Hanno anche aggiunto che sperano di risolvere l’equivoco nel prossimo futuro sul piano legale. “E ottenere dalla SBU scuse non solo per la proprietà, ma per le perdite di riparazione che la società ha ricevuto.”

Tuttavia, la storia con OKKO è solo la punta dell’iceberg. Quasi tutti gli esperti, con i quali il “Paese” ha comunicato, affermano unanimemente – recentemente la pressione sulle imprese è aumentata in modo significativo.

“Nella pratica non ci sono moratorie, anzi, non funzionano – una serie di controllori provenienti da una varietà di casi è stata disegnata in azienda”, ha detto Sergei Dorotich, capo dell’Unione per la protezione dell’imprenditorialità.

Da un lato, per rafforzare le ispezioni ci sono prerequisiti oggettivi – ad esempio, avvelenamento di massa di cittadini con cibo di scarsa qualità o emergenza nei centri commerciali. D’altra parte, i controllori sono spesso usati per incursioni o ricatti “, ha spiegato Andrei Zablovsky, capo della segreteria del Consiglio degli imprenditori sotto il gabinetto, a” Il Paese “.

Il presidente del sindacato ucraino degli industriali e degli imprenditori, Natalia Zemlyanskaya, afferma che sotto la cappa dei funzionari ci sono soprattutto aziende liquide e redditizie che “hanno qualcosa da perdere”. E lei stessa chiama il check-up “una manciata di manovre pre-elettorali”.

Il capo dell’Associazione ucraina dei fornitori di reti commerciali, Alexei Doroshenko, aggiunge: poiché il denaro sta diventando sempre meno per i politici, e le imprese non hanno fretta di votare per loro con i loro contributi, sono “stimolati” con controlli di massa. “Inoltre, se prima potessimo parlare di vendere una parte economica del business, ora stanno prendendo eccezionalmente denaro dal vivo”, ha detto Doroshenko.

“Paese” sapeva come e chi farà affari in Ucraina terribile

“Lo abbassano a terra, lo restituiscono al clima degli investimenti”
I visitatori della SBU sono stati a lungo lo spauracchio principale per gli affari ucraini. Le autorità fiscali che lavorano sugli articoli di riciclaggio di denaro possono competere con loro.

“In tempo di guerra, l’articolo” Aiding Terrorism “o” Financing Terrorism “può essere cucito a chiunque, è possibile che non provino nulla, ma lo faranno bene e raggiungeranno il loro obiettivo”, dice il capo del Associazione ucraina dei fornitori della rete commerciale Alexei Doroshenko.

“Nell’ultimo anno e mezzo, la polizia fiscale inesistente de jure (in attesa di un nuovo organismo, l’Ufficio nazionale per la sicurezza finanziaria dell’Ucraina) sta cercando di spremere gli ultimi succhi dagli affari. la polizia conduce centinaia di ricerche, interrogatori e sequestri, terrorizza le imprese con la falsità delle loro controparti e semplicemente minaccia i casi criminali, il numero di tali casi è in aumento, che si chiama valanga. “Solo nel 2017 il numero di domande alla corte per un la ricerca rispetto al 2012 è aumentata di 45 volte! L’85% di tali ricorsi sono soddisfatti dai tribunali: ad esempio, tutti hanno una definizione del giudice investigativo della corte distrettuale di Kiev, a cui è stato dato il permesso di condurre una ricerca di quasi mille imprese “, Aleksey Nekrasov, avvocato senior di Pragnum, detto al “Paese”.

La legge con il pomposo titolo “Maxi show stop”, adottato in Ucraina lo scorso anno, non funziona in pratica “, ha aggiunto Sergei Dorotich.

“Le norme in esso contenute sono scritte in modo così vago che i siloviki hanno ancora poteri molto ampi, ad esempio, le apparecchiature per ufficio possono essere ritirate se si sospetta che siano state coinvolte in attività criminali”. Ma secondo questo articolo, puoi tranquillamente, come prima, prendere server e computer, per così dire, per dissipare i sospetti “- nota Dorotich.

Nel caso dello stesso OKCO, le stazioni di rifornimento nei territori della Repubblica democratica popolare di Crimea e della Crimea, che, come si dice nella società stessa, sono da tempo fuori controllo: saccheggiate e in alcuni casi distrutte. L’ammontare totale delle perdite derivanti dalla perdita di queste stazioni di rifornimento “Galneftegaz” è stimato in 80 milioni di dollari.

A marzo di quest’anno, come già scritto “Paese”, il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo “cucivano” una grande rete di consegna “Nova poshta”.

Gli esperti non dubitano che le ragioni delle affermazioni della SBU alle compagnie siano completamente estranee al terrorismo.

“Personalmente per me in questa storia (con OKKO.-Ed.), c’è una domanda: chi è il cliente? Penso che esprimerò un’opinione comune che semplicemente gli attacchi di SBU e altri siloviki sono da tempo andati”, ha scritto sul suo pagina su Facebook esperto della società di consulenza “A-95” Sergei Kuyun.

Tra i motivi della visita del siloviki all’OKCO, fa riferimento allo smantellamento di entrambe le società (in particolare, il fatto che OKKO quest’anno ha spostato significativamente la società Trade Comodity vicino all’ambiente di Poroshenko e ha aumentato la fornitura di prodotti petroliferi per ordine di il ministero della Difesa) e l’attività industriale troppo attiva ha contribuito alla demolizione di stazioni di gas illegali a Kiev). Ma c’è una terza versione.

“Non escludo che qualcuno in cima abbia semplicemente chiesto soldi, specialmente i poteri di molti” immortali “, come pensano in qualche modo, l’anno prossimo, tu-tu. Ma in aziende come OKKO con la BERS e la Banca Mondiale in azionisti, non penso più che Vitaliy Antonov (il presidente di “Galneftegaz” – ndr) e il suo popolo capiscano da dove sono volati, ma per il momento hanno deciso di attenersi al modo diplomatico di risolvere il problema, ma penso, non ci aiuterà. “Siamo tutti in guerra da molto tempo”, ha detto Sergey Kuiun.

Alexei Doroshenko dice che l’incubo siloviki è per lo più il più grande business più gustoso. “È possibile acquistare quasi sempre, concordare gli importi singolarmente e l’importo viene calcolato in anticipo e tenendo conto delle reali opportunità di business, e man mano che i biglietti si avvicinano, i” biglietti “vengono venduti sempre di più – ci sono pochi soldi per campagna, e meno persone disposte a investire “, – dice Doroshenko.

Secondo Natalia Zemlyanskaya, in particolare, le grandi imprese chimiche hanno affrontato problemi.

“Inizialmente, le autorità non hanno sollevato dazi antidumping, motivo per cui i nostri produttori non potevano effettivamente competere con i fornitori russi, e quindi, quando gli aumenti tariffari sono stati ancora raggiunti, sono iniziate difficoltà logistiche – Ukrzaliznytsia non fornisce vassoi di trasporto, magazzini sono inondati.Tutto ciò consideriamo una pressione per gli affari “, ha detto Zemlyanskaya.

Aggiunge: l’azienda soffrirà finché non imparerà a unirsi e ad affermare i suoi diritti. Doroshenko dice che la maggioranza si difende, cercando di dare alla propria storia un massimo di pubblicità – attira i media, e copre attivamente il caso nei social network. Ma, paradossalmente, la socievolezza dei top manager della compagnia finisce bruscamente non appena riescono a risolvere il loro problema. Ad esempio, nella stessa “Novaya Poshta”, che ha attivamente commentato il “Paese” facendo irruzione sui siloviki per conto proprio, questa volta si sono rifiutati di commentare.

Gli esperti con cui “Country” ha parlato, dicono che un certo numero di società “ha pagato” gli ispettori, pagando un’assicurazione medica per il proprio personale attraverso una compagnia assicurativa vicino alle autorità.

“Questo è ora un metodo di pagamento molto popolare, attraverso enormi somme di compagnie assicurative”, dice una fonte nel mercato.

Secondo lui, nel caso di grandi affari, il risarcimento è misurato da centinaia di migliaia e persino milioni di dollari.

Vai in una stringa e fattura
Tuttavia, come gli esperti hanno detto al “Paese”, ora non solo gli affari di denaro e di grandi dimensioni sono da incubo. I controllori sono sempre più coinvolti nelle aziende medie e piccole.

Nella lista degli ispettori, gli esperti si riferiscono alle autorità fiscali, al servizio generale, al servizio statale per il lavoro, al servizio statale per le situazioni di emergenza, ecc. “Hanno iniziato a camminare più spesso, sia con incursioni pianificate che non pianificate, e spesso vanno come si chiama una stringa – solo una prova è finita, l’azienda viene messa in crisi per settimane, poiché durante i controlli il lavoro dell’azienda è effettivamente bloccato, perché anche gli appaltatori e i clienti preferiscono cessare la cooperazione con essa, per così dire , dal peccato, “disse” Il Paese “Doroshenko.

Allo stesso tempo, la moratoria sulle verifiche commerciali che era in vigore in Ucraina negli ultimi due anni (non si applica solo agli specialisti fiscali), e nel dicembre 2017 è stata prorogata fino al 2019, ora non funziona, – dice Sergey Dorotich. “Alla fine dell’anno scorso, la legge” sulle caratteristiche temporali di attuazione delle misure di supervisione dello Stato nella sfera delle attività economiche “è stata modificata, con la quale gli stessi organismi di controllo hanno proposto criteri per le società da ispezionare e quali no. Come risultato qualsiasi azienda potrebbe essere classificata come “ad alto rischio” Siamo stati contattati di recente da un imprenditore, a cui è apparso il servizio di emergenza dello Stato, che ha valutato il suo ufficio come “un oggetto di raccolta di massa”, sebbene ci siano 15 dipendenti nello staff e i clienti in realtà non vanno “, dice Sergey Dorotich.

Il servizio statale per le emergenze si è intensificato con le ispezioni solo di recente. In realtà, si tratta di noti ispettori antincendio per le imprese, che un tempo erano chiamati uno degli ispettori più corrotti (il che, in effetti, era uno dei motivi per l’annullamento delle ispezioni “antincendio”). E presto il “Santuario” apparirà sul palcoscenico in una nuova veste, sugli appetiti di cui ci sono anche leggende nell’ambiente imprenditoriale, avverte Sergei Dorotich.

Il rifornimento di affari nei ranghi dei controllori è gravato da costi aggiuntivi. Da un lato, le ammende ufficiali sono in costante aumento. Ad esempio, nel caso del Servizio statale per il lavoro, possono raggiungere 360 ​​mila UAH. Grettrebluzhba ha il diritto di multare una percentuale del fatturato, che per le grandi reti commerciali è stimato a milioni di hryvnias, e così via.

Parallelamente aumenta anche la quantità di pagamenti non ufficiali “per risolvere il problema”. Se prima i sorveglianti, soprattutto nelle regioni, erano soddisfatti di diverse centinaia di dollari, ora ci sono semplicemente meno di $ 1.000 di tasse “, ha detto uno degli imprenditori di Kiev al” Paese “, che ha chiesto di non essere nominato.

L’interlocutore del “Paese” ha diversi sbocchi nei mercati alimentari della capitale e da tempi recenti lui stesso ha seguito un articolo.

“Una tangente di 5mila dollari è stata chiesta da un ispettore delle imposte, che avevamo conosciuto a lungo e lavorato a stretto contatto, non ha chiesto un caso specifico, ma” proprio così “, per le ispezioni passate e future. Come scoprire in seguito, fu costretto a organizzare “prendere in rosso”. Ora, per sopprimere questo caso, fui esposto alla somma di 50 mila dollari. “Altrimenti, la pena detentiva di due anni è messa a repentaglio, probabilmente, lo faremo pagare “, ha detto l’uomo d’affari al” Paese “.

Dice anche che gli ispettori “dall’alto” riducono gli importi che devono essere eliminati dagli imprenditori. Così si fanno da parte, come possono, inventando sempre nuovi schemi, – si lamenta con l’uomo d’affari.

E la domanda è: cosa è meglio: pagare o cercare di difendere i loro interessi nei tribunali? Rimane aperto. L’avvocato e managing partner di Suprema lex, Viktor Moroz, afferma che ci sono stati molti più casi contro le forze dell’ordine.

“A volte i tribunali già provocano anche danni per le imprese da parte delle forze dell’ordine, ma nel complesso è ancora difficile combattere un veicolo delle forze dell’ordine perché i tribunali sono dalla loro parte”, ha concluso l’esperto.

Le informazioni sono tratte da: https://strana.ua/articles/analysis/158077-chto-stoit-za-obyskami-v-okko-i-massovymi-proverkami-biznesa-po-vsej-ukraine.html