+38 (068) 670 09-60

  • Українська
  • English
  • Deutsch
  • Italiano

Organizzazione sociale
"Comitato Anticorruzione Centrale"

Il 27 agosto 1760, l’imperatrice Elisabetta Petrovna emanò un decreto che proibiva ai funzionari pubblici di prendere tangenti.

Il 27 agosto 1760, l’imperatrice Elisabetta Petrovna emanò un decreto che proibiva ai funzionari pubblici di prendere tangenti. “L’insaziabile sete di interesse personale è andata così lontano che alcuni luoghi stabiliti per la giustizia sono diventati un banchetto, un’estorsione e una dipendenza – con la guida dei giudici, l’indulgenza e l’omissione – con l’approvazione per i senza legge”, rimproverò Elizabeth Petrovna ai funzionari . nel rango, trasferito in un altro posto o licenziato.
In Russia, il confine tra una bustarella e un salario è sempre stato piuttosto arbitrario. Fino al diciottesimo secolo, i funzionari del governo vivevano grazie alle “poppate”, cioè alle offerte di coloro di cui si occupavano dei problemi. I registri degli anziani di Zemstvo sulle spese indicano in dettaglio quanti soldi, carne, pesce, candele, torte e altri oggetti utili in famiglia vengono “portati” al governatore, al cancelliere e agli altri agenti dei sovrani. Tali offerte erano ordinarie e illegali. Perfino negli ordini della capitale, dove la maggior parte dei dipendenti ha ricevuto uno stipendio, sebbene piccolo, “l’alimentazione dal lavoro” era una fonte essenziale e completamente legale di benessere burocratico. Per quelli che ora chiamiamo tangenti, esistevano diversi nomi nella lingua legale del 17 ° secolo. Inoltre, se “onori” (doni preliminari al funzionario “risoluzione del problema”) e “commemorazione” (il cosiddetto dono “secondo i risultati”) erano considerati cose abbastanza legittime, allora per “promesse”, cioè, per aver infranto la legge a pagamento, hanno fatto affidamento sulla punizione fisica.
La prima restrizione legislativa alla corruzione è Ivan III. Suo nipote Ivan il Terribile nel 1561 introdusse la Carta giudiziaria, che impose sanzioni sotto forma di pena di morte per aver ricevuto tangenti da funzionari giudiziari dell’amministrazione locale zemstvo.
Peter 1, al fine di prevenire la corruzione e altri abusi di servizio mercenari, introdusse una nuova procedura per il servizio civile per i governatori che non potevano rimanere in questa posizione per più di due anni. Nel caso in cui ci fosse una richiesta scritta da parte dei residenti della città che questo funzionario continuasse a svolgere le sue funzioni. Con un decreto del 23 agosto 1713, Pietro I introdusse, insieme a prendere una bustarella, la responsabilità penale per la corruzione, e il 24 dicembre 1714, Pietro I emise un decreto che introduceva una responsabilità penale per complicità nella commissione di abusi mercenari di servizio e per mancata segnalazione della commissione di questi crimini.
Nel diciannovesimo secolo, la corruzione era chiamata “corruzione” ed “estorsione” (quest’ultima era considerata la forma più grave di corruzione).
“corruzione” – accettazione da parte del funzionario di una bustarella, offerta volontariamente, sotto forma di remunerazione per la prestazione di un servizio ufficiale da parte di un dipendente che non vada oltre la sua autorità (punizione – da una sanzione pecuniaria al licenziamento dall’ufficio)
“Estorsione”: adozione di un compenso da parte dei dipendenti per azioni che violano le funzioni ufficiali. L’estorsione, cioè la coercizione di una bustarella da parte degli stessi dipendenti, è stata riconosciuta come il più grave grado di estorsione.
I bolscevichi nel maggio 1918 emisero un decreto sulla corruzione, prevedendo una pena detentiva di cinque anni e la confisca dei beni. Allo stesso tempo, i casi di corruzione furono trasferiti alla giurisdizione dei tribunali rivoluzionari, poiché erano equiparati alle attività controrivoluzionarie. Il codice penale del 1922 impose gravi sanzioni per corruzione fino alla pena di morte (articolo 114 del codice penale del 1922). Successivamente, le norme sulla corruzione sono state sancite nei codici penali della RSFSR del 1926 e del 1960.
Bene, il nostro tempo è SBU, Police, NABU, DBR …