+38 (068) 670 09-60

  • Українська
  • English
  • Deutsch
  • Italiano

Organizzazione sociale
"Comitato Anticorruzione Centrale"

STAMPA: REP. KHANNA CONDUCE I MEMBRI BIPARTISANI IN CONDOTTA ANTI-SEMITISMO IN EUROPA

Washington, DC – Il membro del Congresso Ro Khanna (CA-17) e il deputato David N. Cicilline (RI-01) stanno guidando più di 50 repubblicani e democratici della Camera per spingere il Dipartimento di Stato USA a esercitare pressioni diplomatiche su Ucraina e Polonia per recenti in casi di negazione dell’Olocausto sponsorizzati dallo stato e di antisemitismo.

“Vi esortiamo a unirvi a noi e alle organizzazioni per i diritti umani contro l’antisemitismo, la xenofobia e tutte le forme di intolleranza chiedendo ai governi polacco e ucraino di respingere inequivocabilmente le distorsioni dell’Olocausto e l’onore dei collaboratori nazisti e di perseguire pienamente l’antisemitismo crimini “, i membri hanno scritto in una lettera al vice segretario di Stato John Sullivan. “Vi chiediamo anche di descrivere in dettaglio quali misure vengono prese dal governo degli Stati Uniti (Stati Uniti) per monitorare le istanze di distorsione dell’Olocausto e garantire che gli Stati Uniti non sostengano o finanzino gruppi e individui che promuovono o giustificano l’antisemitismo. Crediamo che questi passi debbano includere una ferma richiesta che queste leggi offensive vengano abrogate “.

“Il nostro governo dovrebbe preoccuparsi della rinascita dell’antisemitismo in Ucraina e Polonia. Entrambi i paesi hanno recentemente approvato leggi che glorificano i collaboratori nazisti e negano l’Olocausto “, ha detto il rappresentante Khanna. “Il Dipartimento di Stato deve usare tutti i canali diplomatici disponibili per lavorare con il governo ucraino e polacco per combattere l’ascesa di questa ideologia odiosa che ha storicamente minacciato la pace e la sicurezza nella regione”.

23 aprile 2018

 

L’onorevole John Sullivan

Vice Segretario di Stato

U.S Dipartimento di Stato

2201 C Street NW

Washington, DC 20520

 

Caro vice segretario Sullivan:

Scriviamo per esprimere il nostro sgomento riguardo alle recenti notizie di distorsione e negazione dell’Olocausto sponsorizzate dallo stato in corso in Europa, in particolare in Polonia e Ucraina. Questi sviluppi sono inaccettabili, soprattutto in considerazione dell’attuale ondata globale di antisemitismo.

Vi esortiamo a unirvi a noi e alle organizzazioni per i diritti umani contro l’antisemitismo, la xenofobia e tutte le forme di intolleranza chiedendo ai governi polacco e ucraino di respingere inequivocabilmente le distorsioni dell’Olocausto e l’onore dei collaboratori nazisti e di perseguire pienamente i crimini antisemiti . Ti chiediamo inoltre di descrivere in dettaglio quali misure vengono prese dal governo degli Stati Uniti (USA) per monitorare le istanze di distorsione dell’Olocausto e garantire che gli Stati Uniti non sostengano o finanzino gruppi e individui che promuovono o giustificano l’antisemitismo. Riteniamo che questi passaggi debbano includere una ferma richiesta che tali leggi offensive vengano abrogate.

Mentre le questioni legali e i contesti storici di Ucraina e Polonia sono diversi, gli sviluppi in entrambi i paesi sono motivo di preoccupazione. All’inizio di quest’anno, Varsavia ha approvato una legge che rende reato dichiarare che la Polonia ha partecipato all’Olocausto. La legge, che è stata giustamente criticata dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, dal governo israeliano e da altri, è stata accompagnata da un’ondata di osservazioni antisemite. L’ambasciata israeliana a Varsavia ha riferito di essere stata inondata dal vetriolo antisemita, mentre i membri della comunità ebraica polacca hanno espresso preoccupazione per le crescenti tensioni sulla scia della legge. Nonostante il presidente polacco Andrzej Duda abbia assicurato che la legge non sarebbe stata usata per soffocare la libertà di parola, una causa è già stata presentata contro un giornale argentino usando questa legge; Jan Dziedziczak, vicedirettore del ministero degli Esteri polacco, ha chiesto che Israele cambi una mostra a Yad Vashem a Gerusalemme; e un sindaco israeliano è stato costretto a cancellare una cerimonia di commemorazione dopo aver rifiutato le richieste delle autorità locali di rimuovere i riferimenti alla complicità polacca nell’Olocausto dal suo discorso.

Le leggi sulla memoria del 2015 dell’Ucraina sono andate anche oltre glorificando i collaboratori nazisti e rendendola un reato per negare il loro “eroismo”. Tuttavia, a differenza della legge polacca, questa mossa del governo di Kiev ha ricevuto poca o nessuna risposta pubblica dagli Stati Uniti. I gruppi e gli individui eletti dall’Ucraina comprendono i collaboratori nazisti Stepan Bandera, Roman Shukhevych e l’Organizzazione dei nazionalisti ucraini (OUN), nonché l’esercito insurrezionale ucraino (UPA). Questi paramilitari e individui in alcuni casi hanno collaborato con i nazisti e hanno la responsabilità dell’omicidio di migliaia di ebrei, 70.000-100.000 polacchi e altre minoranze etniche tra il 1941 e il 1945.

È particolarmente preoccupante che gran parte della glorificazione nazista in Ucraina sia sostenuta dal governo. Gli esempi includono la campagna 2017 pro-UPA condotta dall’Istituto ucraino di memoria nazionale; la denominazione delle strade dopo Bandera e Shukhevych dal consiglio comunale di Kiev; e il “ShukhevychFest” di Le viv 2017 che si è svolto nell’anniversario del 1941 di L’viv Pogroms in cui sono stati uccisi 4000 ebrei.

Il revisionismo dell’Olocausto sponsorizzato dallo Stato in Ucraina è accompagnato da altre forme di antisemitismo. Come ha sottolineato il Dipartimento per gli affari della Diaspora di Israele nel suo rapporto annuale sull’antisemitismo, il dipanarsi di questi “eroi” ucraini ha coinciso con la crescente incidenza di antisemitismo in Ucraina. Ciò include la profanazione dei memoriali dell’Olocausto e dei luoghi di culto ebraici, come la profanazione di una tomba santa a Uman con una testa di maiale intagliata con la svastica; una marcia di gennaio 2017 in onore di Bandera, durante la quale i partecipanti hanno cantato “Ebrei fuori!”; così come la bomba incendiaria della scorsa estate di una sinagoga di L’viv durante “ShukhevychFest”.

Lo scorso novembre Radio Free Europe ha riferito della presenza di fiaccole e saluti nazisti a una marcia di 20.000 persone in onore del 75 ° anniversario dell’UPA. Queste marce a fiaccole sono strettamente legate a organizzazioni come il Azov Battalion neonazista, un gruppo armato a cui è stato proibito di ricevere armi e addestramento dagli Stati Uniti con il Consolidated Appropriations Act del 2018. Piuttosto che sciogliere Azov, il governo lo ha incorporato nel Guardia nazionale ucraina supervisionata dal Ministero degli Interni. Il gruppo è noto per essere strettamente collegato al ministro degli interni Arsen Avakov.

Le azioni profondamente inquietanti di Polonia e Ucraina sono state ripetutamente condannate dal Museo memoriale dell’Olocausto degli Stati Uniti, dal Centro Simon Wiesenthal, dalla Coalizione nazionale che sostiene gli ebrei eurasiatici, dal Congresso ebraico mondiale, dallo Yad Vashem e dal governo israeliano.

Come membri del Congresso degli Stati Uniti, abbiamo sostenuto fermamente la ricerca della Polonia e dell’Ucraina per costruire nazioni democratiche. Tuttavia, siamo profondamente preoccupati che l’aumento dell’antisemitismo e la negazione del passato ostacoleranno lo sviluppo democratico di questi paesi e impediranno alla Polonia e all’Ucraina di diventare una società libera e aperta per tutti i loro cittadini, sia ebrei che non ebrei. Gli sviluppi in questi due paesi, sebbene particolarmente eclatanti, devono essere presi anche nel contesto di un aumento della glorificazione dei funzionari dell’epoca dell’Olocausto in tutta Europa, tra cui Ungheria, Slovacchia, Romania e Stati baltici. Questa è una tendenza preoccupante che deve suscitare una forte risposta da parte del nostro governo.

Pertanto, vi chiediamo rispettosamente di rispondere alle nostre serie preoccupazioni con una descrizione dettagliata di quali azioni sta intraprendendo il Dipartimento di Stato per lavorare con i governi polacco e ucraino e altri governi della regione, per combattere l’aumento dell’antisemitismo e dell’Olocausto -deniale e distorsione.

Inoltre, in questo momento che l’antisemitismo e la negazione dell’Olocausto stanno aumentando in tutto il mondo, ti chiediamo di nominare immediatamente qualcuno per la posizione di inviato speciale per monitorare e combattere l’antisemitismo. Più a lungo questa posizione, che ha portata mondiale, rimane vacante, più invia il messaggio che gli Stati Uniti tollereranno l’antisemitismo e la negazione dell’Olocausto. Inoltre, riconosciamo l’importante lavoro svolto dall’Inviato speciale per i problemi dell’Olocausto e chiediamo che si assicuri che il suo ufficio disponga delle risorse necessarie per affrontare le crescenti sfide in questo campo.

Gli Stati Uniti devono assumere una posizione di leadership sostenendo fermamente l’antisemitismo e assicurando che i nostri alleati dell’Europa orientale continuino a sviluppare democrazie che siano giuste e giuste per tutti.

Vi ringraziamo per la vostra attenzione a questa importante questione.

Cordiali saluti,

###

Informazioni sull’ufficio

Il membro del Congresso Khanna rappresenta il diciassettesimo distretto della California, che copre le comunità nella Silicon Valley

Informazioni tratte da: https://khanna.house.gov/media/press-releases/release-rep-khanna-leads-bipartisan-members-condemning-anti-semitism-europe