+38 (068) 670 09-60

  • Українська
  • English
  • Deutsch
  • Italiano

Organizzazione sociale
"Comitato Anticorruzione Centrale"

“La polizia non ha interferito”. Per il quale le autorità impostano l’ultra-destra dal C-14 agli avvocati

источник фото: facebook.com/c14.news.reserve

Nella comunità legale di Kiev, uno scandalo con una sfumatura radicalmente di destra e la probabile partecipazione delle autorità divampano.

Le passioni hanno infuriato dopo l’ultimo giorno di luglio, i rappresentanti dell’organizzazione di estrema destra S-14 hanno fatto irruzione nei locali dell’Accademia nazionale degli avvocati dell’Ucraina (NAAU) a Kiev. Tre dozzine di giovani hanno cercato di interrompere la riunione del comitato degli avvocati della difesa.

Gli avvocati hanno chiamato il dipartimento di polizia del distretto di Podolsky e li hanno sostituiti con una richiesta di invio di ospiti non invitati. I poliziotti in risposta tecnicamente “si sono lavati le mani”, dichiarando l’assenza di qualsiasi violazione nell’invasione in corso e solo contemplando la continuazione del conflitto tra avvocati e nazionalisti.

Di conseguenza, l’ultima mezz’ora ha occupato la sala riunioni della NAAU, dove hanno tenuto il proprio evento. Gli avvocati si sono riuniti in un’altra stanza, dopo aver preso in considerazione l’unica questione all’ordine del giorno del comitato di avvocatura degli avvocati.

Per quanto riguarda le attività del C-14, perché i radicali hanno preso le armi contro alcuni rappresentanti della comunità degli avvocati, e come il coinvolgimento delle autorità è stato visto negli attacchi agli avvocati, “Paese” stava esplorando .

Cucitura in piazza Solomenskaya

Incontro scandaloso, che è venuto a disturbare i nazionalisti della capitale martedì – una conseguenza degli eventi che si sono verificati il ​​27 luglio nella sede della Corte d’appello di Kiev.

Poi il C-14 è venuto a sostenere il suo collega Sergei Mazur (che è sospettato di organizzare un pogrom sull’insediamento dei Rom sul Monte Calvo a Kiev) e nell’atrio del palazzo di giustizia hanno affrontato l’avvocato Valentin Rybin. Quest’ultimo non ama molto il fatto che rappresenti gli interessi di un certo numero di cittadini accusati di “articoli quasi politici” particolarmente gravi – sospettati di separatismo, “persone di Berkut”, che aiutano “DNP / LNR” e simili.

Tra gli avversari sorse un conflitto verbale, durante il quale uno dei radicali di destra tentò di colpire la testa dell’avvocato. Inoltre, i rappresentanti dell’S-14 hanno urlato a “Rybin” la “Valigia, Stazione Ferroviaria, Russia”, chiamato “l’occupante” e hanno gettato una sciocchezza.

Rybin non è rimasto nel perdente, ma non ha allontanato le mani. Ha promesso al leader del C-14 Eugene Karasyu che sarà presto in prigione, come ora il cittadino del Brasile Rafael Lusvargi, che in Ucraina è accusato di partecipare alla guerra nel Donbass dalla parte dei separatisti, è seduto . Il riferimento a Lusvarga non è casuale: Rybin è il suo avvocato. E il conflitto tra il difensore e i nazionalisti sta arrivando a questo problema.

Come il brasiliano ha causato il conflitto tra Rybin e Karasem

Sulle sue pagine, “Country” ha già toccato l’epopea di un brasiliano che ha preso parte ai combattimenti nel Donbass come parte delle forze del “DNR”. Nell’autunno del 2016 un uomo è stato detenuto all’aeroporto “Borispol” e condannato dalla corte Pechersk per 13 anni in carcere. Nell’appello, questo verdetto non ha potuto resistere e il processo del suo caso è stato lanciato in un nuovo round.

Poi, per rappresentare gli interessi dell’avvocato sudamericano Rybin si unì, che guidò la linea di difesa per lo scambio di Lusvarga ai soldati ucraini che erano in prigionia con i separatisti. Alla fine dell’anno scorso, il brasiliano è stato aggiunto agli elenchi pertinenti e rilasciato dalla custodia. Lo scambio alla fine si ruppe, a seguito del quale il combattente risultò essere libero, ma senza documenti sulle sue mani, il che non gli diede la possibilità di provare a tornare in patria.

Ciò andò avanti per quasi quattro mesi, dopodiché i giornalisti trovarono il Lusvargi. La trama trasmessa “ha spinto” i nazionalisti ad agire attivamente.

Il 4 maggio, i rappresentanti di S-14 hanno sequestrato il Lusvargi, e attraverso l’intero centro di Kiev hanno portato alla costruzione del servizio di sicurezza. Subito dopo l’ufficio del pubblico ministero è andato in tribunale con una mozione per arrestare il brasiliano, e il suo caso è stato diretto ad ascoltare lontano da Kiev – al tribunale distrettuale di Pavlograd della regione di Dnepropetrovsk. Da allora, Lusvargi è tornato al carcere in carcere, ma la sua storia ha giocato con nuovi colori.

Il fatto è che, attraverso il tribunale, Rybin ha ottenuto l’apertura di procedimenti penali contro Karas e i suoi associati nazionalisti. Le azioni di S-14, commesse con il suo cliente da radicali di destra, il difensore considera un atto terroristico e il rapimento di una persona. Infatti, costringendo le forze dell’ordine a fornire informazioni pertinenti all’ERDR, l’avvocato è diventato un bersaglio di critiche da parte dei nazionalisti sponsorizzati dal bilancio. Che, in ultima analisi, ha portato ad un tentativo di attaccarlo nell’edificio della Corte d’Appello.

I “radicali” hanno sequestrato la residenza di un avvocato

In risposta, l’avvocato ha presentato domanda alla National Bar Association dell’Ucraina, chiedendo una valutazione della situazione. Il 31 luglio è stata convocata una riunione di emergenza della commissione competente e, per timore di probabili provocazioni, ha fatto appello far avanzare la polizia.

Tuttavia, la presenza di forze dell’ordine non ha influenzato i piani dei radicali per interrompere l’evento degli avvocati. Camminarono senza ostacoli nella stanza e perquisirono lo stesso Rybin.

Di fatto hanno sequestrato la sala, e dopo aver fatto qualche foto, si sono sistemati in modo professionale. Successivamente, sulle loro pagine nei social network dell’S-14, hanno pubblicato un rapporto sui risultati del presunto “incontro” che avevano tenuto.

Gli avvocati, a loro volta, non hanno esercitato resistenza fisica, lasciando i locali. I loro oratori annotano la reale inerzia da parte dei siloviki, che suggerisce la connivenza dalle autorità ai nazionalisti.

“Anche se gli agenti di polizia sono arrivati ​​in NAAU in tempo, non hanno interferito con i rappresentanti del C-14, la cui presenza massiccia e l’atteggiamento aggressivo hanno reso impossibile incontrarli”, ha detto Anna Boriak, capo della commissione per la tutela dei diritti degli avvocati e avvocati.

Commenti di avvocati

Avvocato Andrey Tsygankov sulla sua pagina Facebook:

– E chi sono (rappresentanti di C-14 – Ed. Ed.) Che cosa dicono agli avvocati cosa fare? Chi è questo, chi senza folla non ha movimento e fiducia in se stesso. Dice così tanto che non sente il suo.

Comprendere, tutti voi, attivisti e l’avvocato insoddisfatto Valentin Rybin, sono i primi a essere efficaci e professionali, poiché si lamentano così tanto, e in secondo luogo mostra chiaramente il basso livello di professionalità dell’Ufficio del Procuratore militare dell’Ucraina, il suo orientamento esclusivamente per convenienza politica, e non per la legge. Sotto le spoglie della guerra, l’ufficio di questo procuratore è impegnato nel racket e nella protezione diretta, e gli attivisti stanno effettivamente contribuendo a questo.

L’avvocato Andrey Levkovets sulla sua pagina Facebook:

– Per S-14, che non capisce che è illegale identificare un avvocato con un cliente, lo stato ha anche stanziato denaro. Le autorità stanno preparando armi contro manifestanti pacifici, la prossima volta che il Maidan sarà disperso non dalla polizia, ma questi nazionalisti sono sotto le spoglie della polizia, come stanno facendo ora con la demolizione delle bancarelle, spremendo complotti per la costruzione, ecc. Ma se l’istituzione del bar viene distrutta in questo momento, durante il popolo di Maidan non ci sarà nessuno da difendere nei tribunali.

Avvocato Larisa Krivoruchko a VectorNews:

– La società non ha il diritto di condannare l’avvocato per il fatto che sta costruendo una protezione legale per l’imputato. La qualità dello sviluppo delle relazioni in ambito giuridico e la garanzia dei diritti di tutti i cittadini, nonché lo sviluppo dell’Ucraina come stato in cui una persona, la sua vita e salute, l’onore, la dignità, l’inviolabilità e la sicurezza sono riconosciuti come il più alto valore sociale dipende direttamente dal lavoro di qualità dell’avvocato. Insieme a ciò, l’inammissibilità di identificare gli avvocati con i clienti e le loro cause durante l’esercizio delle loro funzioni costituisce un’importante garanzia dell’attività professionale degli avvocati. Questo principio è sancito dalle Disposizioni di base sul ruolo degli avvocati, adottate dall’8 ° Congresso delle Nazioni Unite sulla prevenzione dei crimini nell’agosto del 1190 e dalla legge dell’Ucraina sull’Avvio e l’avvocatura.

Il mancato rispetto di queste misure di sicurezza viola il diritto alla protezione, sancito dalla legge ucraina e dai principi generalmente riconosciuti di diritto internazionale. Ciò, a sua volta, può mettere in discussione l’esistenza dell’istituzione dell’Ordine di Ucraina nel suo complesso. In questo caso, la professione di un avvocato perderà il suo status speciale e si rivelerà inefficace. E di conseguenza, i cittadini semplicemente non saranno protetti da nessuno. Quello che è successo in NAAU non è solo l’identificazione di un avvocato con un cliente, ma una violazione diretta e cinica dei diritti degli avvocati. È improbabile che gli attivisti comprendano a cosa possono portare le loro azioni, ma le autorità non solo non possono tenersi alla larga da una tale situazione, ma devono opporsi risolutamente a tali dimostrazioni di mancanza di rispetto per la barra. Ci aspettiamo una risposta immediata ed efficace da parte del Ministero degli Affari Interni, della Polizia Nazionale, dell’Ufficio del Procuratore, ecc.

L’avvocato Eugene Solodko nel commento “Paese”:
– L’attività degli avvocati è una delle pratiche fondamentali per osservare lo Stato di diritto e assicurare l’effettiva tutela dei diritti umani. Tuttavia, lo stato, specialmente di recente (dal 2014), queste garanzie vengono ignorate in ogni modo possibile.

Allo stesso tempo, il bar è un’organizzazione autonoma, in cui gli avvocati risolvono i loro problemi senza interferenze esterne. Compreso, per quanto riguarda l’attrazione dei colleghi per la responsabilità disciplinare, fino alla privazione del certificato sul diritto di impegnarsi in difesa. Nessuno, da nessuna parte e mai ha il diritto di istruire un avvocato che e come proteggerlo – questa decisione è presa dall’avvocato stesso, sviluppando una strategia e una tattica di difesa, dove può usare tutti i metodi di protezione che sono accettabili dal punto di vista della legge. Qualsiasi tentativo di influenzare gli avvocati dall’esterno è espressamente vietato dalla legge “On the Bar and Advocacy”.

Valentin Rybin protegge molti clienti in procedimenti penali risonanti. Se i clienti selezionati da qualcuno non amano qualcuno, allora questo è puramente il loro problema. Nessuno ha il diritto di interferire nel processo di protezione. Compresi, rappresentanti dell’organizzazione S-14 e altre strutture, che sono coperti dalla posizione di un determinato pubblico. Questi cittadini per qualche ragione l’hanno deciso indicheranno a chi e come dagli avvocati svolgere le loro attività. Ciò che è accaduto è inaccettabile dal punto di vista delle leggi e della Costituzione dell’Ucraina. E parla almeno dell’impotenza professionale dei rappresentanti delle forze dell’ordine, e tenendo conto dei fatti accaduti prima – sul sistema.

Ovviamente, lo stato non ha bisogno di un forte sostegno, contro il quale le azioni delle migliaia di apparati repressivi nei tribunali appaiono pallide. È conveniente per lo stato consentire ai rappresentanti delle organizzazioni nazionaliste di agire in base agli avvocati per la realizzazione dei loro obiettivi. Ma questo non significa che gli avvocati non abbiano strumenti legali per contrastare questa pressione.

Informazioni tratte da: https://strana.ua/articles/analysis/154037-juristy-vs-natsionalisty-dlja-cheho-vlasti-natravlivajut-radikalov-iz-s-14-na-advokatov.html