+38 (068) 670 09-60

  • Українська
  • English
  • Deutsch
  • Italiano

Organizzazione sociale
"Comitato Anticorruzione Centrale"

L’assistente del deputato di “Freedom” è stato assolto in caso di corruzione di un procuratore militare

Per assistenza nella chiusura del caso, l’imputato ha offerto $ 3.000.
L’assistente del deputato del partito Svoboda Igor Shvayka Artyom Zaik è stato assolto dalle accuse di corruzione del procuratore della procura militare della guarnigione di Lugansk. Questa edizione di 368.media è stata scoperta dal verdetto della corte slava della regione di Donetsk.
Nel 2016, il vicedirettore Artem Zaika è venuto dal procuratore come presidente dell’organizzazione della regione di Lugansk dal partito Svoboda e ha cercato di concordare la chiusura del caso contro un membro del partito. Quest’ultimo era un soldato ed era sospettato di rapina in collusione con un gruppo di persone nella panetteria di Ukr-Veresk.
Gli aggressori hanno minacciato di uccidere con le armi e hanno anche violato il funzionamento dell’azienda, causando gravi danni. Il sospetto evitò le indagini e fu voluto.
Il procuratore ha spiegato che stava cercando di scoprire la posizione del sospettato da Zaika e ha registrato la conversazione con lui al telefono. Per assistenza nella chiusura del caso, l’imputato ha offerto $ 3.000.
L’uomo, i cui affari avrebbero dovuto essere chiusi, ha affermato che nel 2014 si è unito al battaglione di Aydar e durante il servizio ha avuto conflitti con la polizia. Il soldato ha chiesto all’imputato di andare a riferire sulla disponibilità a testimoniare all’ufficio del procuratore militare senza agenti di polizia. Il testimone ha dichiarato di non essere d’accordo sulla chiusura illegale del caso e sul trasferimento di fondi. Non è stato convocato in tribunale per esaminare il caso, dove non sa dove sia il caso.
Il vice aiutante non ha ammesso la colpa e si è rifiutato di testimoniare. Una lettera dell’organizzazione benefica della Legione della Libertà dei Volontari del 20 aprile 2016 indirizzata al procuratore militare della guarnigione di Luhansk è stata sequestrata dal bagagliaio della sua auto. Secondo l’accordo preliminare, trasferiscono l’assistenza finanziaria per l’organizzazione dei locali della procura militare della guarnigione di Lugansk, l’acquisto delle attrezzature per ufficio e delle attrezzature per ufficio necessarie, nonché per l’attuale riparazione del materiale rotabile dell’unità nella quantità di 3 mila dollari. La lettera è stata firmata dal presidente della Legione volontaria della libertà, Artem Zaika.
Tuttavia, il tribunale ha riscontrato violazioni della giurisdizione investigativa e ha dichiarato inammissibili tutte le prove ottenute, ad eccezione della testimonianza dei testimoni in udienza. Il tribunale ha anche osservato che la data della decisione era scritta con una penna a sfera, la firma del procuratore capo militare Anatoly Matios ha messo una penna a sfera. Inoltre, sia le penne che la calligrafia sono diverse. Allo stesso tempo, le informazioni sulla risoluzione di Matios non sono state inserite in ERDR. A questo proposito, il tribunale ha deciso che una tale sentenza non esisteva davvero, e il pubblico ministero aveva illegalmente assunto l’inchiesta prima del trasferimento di fondi.
Il tribunale non ha accettato la registrazione audio del pubblico ministero come prova e ha assolto il vicedirettore per la mancanza di prove di colpa nel commettere il crimine.

Informazioni tratte da: https://368.media/2019/08/01/pomoshhnika-nardepa-ot-svobody-opravdali-po-delu-o-podkupe-voennogo-prokurora/